#ConsiglioTrasparente ultimipost profilo facebook ultimitweet like facebook

gianni stornello Sono nato a Modica (Ragusa) il 7 aprile 1963 e risiedo da sempre ad Ispica (Ragusa).
Sono sposato con Luisa e abbiamo due figli: Antonio e Giacomo.
Ho la Maturità scientifica e sono laureato in Sociologia.
Lavoro nella Direzione gas & power di eni spa, svolgendo l’incarico di Ispettore dei Canali di contatto.

Dal giugno 2015 sono consigliere comunale del Partito Democratico ad Ispica, svolgendo il ruolo di capogruppo.
Sono cresciuto e mi sono formato nell’associazionismo cattolico: Azione Cattolica, Agesci, Mondo Giovani.
Da sempre appassionato di politica, ho iniziato con la militanza nel Movimento giovanile della Democrazia cristiana nei primi anni ’80. Nel 1991 fui fra i fondatori del Movimento per la democrazia La Rete in provincia di Ragusa, seguendone le evoluzioni (Italia dei valori e Margherita). Dopo una pausa di qualche anno, fu la nascita del Partito democratico a riportarmi alla politica attiva nel 2007.
Dal 2010 al 2013 sono stato segretario cittadino del Partito democratico di Ispica. Oggi sono fra i promotori del nuovo circolo del Pd di Ispica, intitolato a “John Fitzgerald Kennedy”.
Sono componente il Direttivo provinciale della Filctem Cgil di Siracusa.
Dal 1988 sono giornalista pubblicista. Iniziai con le radio locali (Radio Gamma, Radio Emmeuno. Radio Mediterraneo), continuai con la televisione (Video Mediterraneo) e con la carta stampata (Gazzetta del Sud). Sono direttore responsabile di Pensare il Domani, periodico ispicese che ha momentaneamente sospeso le pubblicazioni.
Ho retto la segreteria particolare del senatore Mario Occhipinti, che mi volle anche a Roma fra il 2000 e il 2001 a capo del suo staff di sottosegretario di stato al Ministero dei Trasporti e della Navigazione.
Mi interessano le questioni riguardanti il territorio, il Sudest in particolare.
Mi sono occupato di infrastrutture, soprattutto di quelle portuali. Nel 2001 ho fatto parte del Gruppo di lavoro istituito alla Presidenza del Consiglio dei ministri per l’avvio dell’Aeroporto di Comiso e del Porto di Pozzallo e fra il 2011 e il 2012 del Comitato ristretto per il raddoppio della SS 514 Ragusa-Catania in rappresentanza del Pd provinciale di Ragusa. Ho inoltre partecipato, da relatore, a dibattiti e seminari e sono stato consigliere generale al Consorzio per l’Area di sviluppo industriale di Ragusa, in rappresentanza del Comune di Pozzallo prima e della Camera di commercio di Ragusa, successivamente. Sempre per il Comune di Pozzallo ho svolto l’incarico di consulente a titolo gratuito del sindaco per lo sviluppo del porto. Ho anche prodotto degli studi, fra i quali “Pozzallo, il porto-risorsa del Mediterraneo”, “Un’autorità portuale per il porto di Pozzallo” e “Il Sudest intermodale”.
Da appassionato di scrittura e del mio territorio sono autore di due romanzi storici che traggono spunto da storie locali. Nel 2005, per i tipi di Ibiskos Editrice di A. Risolo, è uscito “La libertà sbagliata”. Oltre alla prefazione di Elena Sofia Ricci, il romanzo vanta la vincita di tre premi letterari nazionali.
In ottobre del 2010 l’uscita del mio secondo lavoro “Il figlio della Ruota” edito da Prova d’Autore.
Uno dei miei hobby, oltre alla politica e alla scrittura, è l’ascolto della musica. Mi piace tutta, ma ho particolare predilezione per i cantautori italiani e la disco-music degli anni ’80. Il brano che in assoluto mi piace è “La sera dei miracoli” di Lucio Dalla.
Tra i film che rivedo sempre con grande piacere “JFK” di Oliver Stone e “Divorzio all’italiana” di Pietro Germi.
Le mie letture preferite sono quelle riguardanti la saggistica politica e la narrativa storica, siciliana in particolare. “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa è per me un caposaldo. “Il nome della rosa” di Umberto Eco lo considero un capolavoro come pochi.
“Il Quarto stato” di Pelizza da Volpedo è il quadro che mi dà indescrivibili emozioni.